Cadute-anziani

Come prevenire le cadute di una persona anziana, tra le mura di casa

Quando si vive con un anziano, è necessario adottare qualche accorgimento in più. E mettere in atto tutte le accortezze necessarie a tutelare la sua salute, sicuramente più fragile, e la sua incolumità. La prima cosa a cui prestare attenzione è il rischio di cadute: una persona anziana è più soggetta ad episodi di questo tipo, specie se debole e malata. L’incidente domestico più frequente tra gli over 65, soprattutto donne e sole, è rappresentato proprio dalla caduta: in genere dalle scale oppure in bagno, inciampando sul tappeto.

Uno studio, contatto in America qualche anno fa, ha dimostrato come un anziano su tre tra i 65 e gli 80 anni, cade almeno una volta l’anno. Il maggior numero di denunce al proprio medico curante, l’incremento delle malattie croniche – a cominciare da quelle cardiovascolari – e un uso frequente di tranquillanti (che hanno tra gli effetti collaterali anche vertigini e sonnolenza), hanno fatto registrare un aumento delle cadute tra le mura di casa. Cadute che, spesso, possono avere conseguenze anche molto gravi: fratture importanti che si tramutano in ricoveri ospedalieri e in una probabile disabilità, e ripercussioni psicologiche come la paura di cadere un’altra volta, che può sfociare nella depressione e nel declino funzionale.

Ma come si prevengono allora le cadute di un anziano, tra le mura di casa? Intervenendo sulla messa in sicurezza dell’abitazione. Bisogna sostituire i sanitari troppo bassi, i piatti doccia scivolosi, le vasche alte. L’illuminazione deve sempre essere adeguata, le piastrelle sconnesse sostituite (meglio evitare motivi a scacchi che possono confondere il passo): correggere o rimuovere l’ostacolo dimezza il rischio di caduta. Ecco dunque gli interventi da effettuare e le regole da adottare:

  • Non utilizzare tappeti che si possano piegare facilmente, e rinforzare gli angoli applicandovi una gomma antiscivolo
  • Tenere i pavimenti sempre asciutti, ed evitare di passare la cera
  • In bagno, utilizzare tappeti antiscivolo o fissare quelli esistenti al pavimento con le apposite retine; dotare vasca e doccia di tappetini antiscivolo; installare maniglioni di supporto e anticaduta
  • Illuminare la scala, dotandola di interruttori ben visibili all’inizio e alla fine della rampa; montare un parapetto o un corrimano, installare strisce antiscivolo sui gradini
  • Avvertire l’anziano di non salire su scale pieghevoli e sgabelli quando è solo in casa (e di non farlo mai se soffre di dolori muscolari o ossei, se soffre di vertigini o se assume farmaci); se deve utilizzare una scala o uno sgabello, mai con ciabatte, sandali e scarpe col tacco, o con vestaglie le cui cinture si possano impigliare
  • Installare luci notturne nei locali affinché non siano mai al buio

Con questi semplici accorgimenti, è possibile tutelare il proprio caro. E si vive tutti un po’ più tranquilli.